ISCRIZIONE BANCA DATI INPS

 

ISCRIZIONE BANCA DATI I.N.P.S.

Per beneficiare delle prestazioni, occorre in primo luogo essere iscritti nella banca dati dell’Inps, cioè essere riconosciuti dall’Istituto come richiedenti della prestazione.

L’Inps è già in possesso di tutti i dati relativi ai seguenti soggetti:

iscritti alla gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali;
iscritti alla gestione magistrale;
pensionati utenti della gestione dipendenti pubblici.
Se però il richiedente non è assicurato o pensionato con le gestioni elencati (in quanto coniuge, figlio, familiare, o altro parente dell’assicurato), deve presentare richiesta d’iscrizione in banca dati.

L’interessato deve dunque compilare il modulo “Iscrizione in banca dati”, scaricabile dalla sezione “Modulistica”, all’interno del portale web dell’Inps, ed inviarlo tramite i seguenti canali:

Pec (posta elettronica certificata), all’indirizzo della sede provinciale dell’Inps competente per territorio;
mail, all’indirizzo della sede provinciale competente per territorio, assieme a una copia del documento di identità in corso di validità;
raccomandata con ricevuta di ritorno, allegando copia del documento di identità in corso di validità;
fax, al numero della sede provinciale competente per territorio, allegando copia del documento d’identità in corso di validità.
In alternativa, il modulo può essere consegnato direttamente agli sportelli della sede provinciale competente per territorio.

Domanda contributo economico disabili: richiesta Pin

Prima dell’invio della domanda, è inoltre necessario che l’interessato si munisca del codice Pin dispositivo, indispensabile per l’accesso ai servizi online dell’Inps.

Il Pin si può richiedere:

online: in questo caso la prima metà del Pin è fornita subito, e l’altra metà arriva per posta;
direttamente, presso una qualsiasi sede Inps: in questo caso il Pin è rilasciato subito interamente.
È possibile inviare la domanda anche utilizzando l’identità unica digitale Spid, che consente l’accesso ai principali servizi online offerti dalle pubbliche amministrazioni.

: presentazione Isee sociosanitario

È inoltre indispensabile, prima della presentazione di una qualsiasi domanda, che vi sia già una Dsu (dichiarazione sostitutiva unica: si tratta della dichiarazione dalla quale emerge l’Isee, l’indicatore della situazione economica del nucleo familiare) in corso di validità: il modello da presentare, nel dettaglio, è l’Isee sociosanitario, che serve a stabilire l’ammontare del contributo mensile dell’Inps in favore del beneficiario e l’ammontare del contributo massimo in favore dell’Ats per la fornitura di prestazioni integrative.

L’attestazione Isee è acquisita direttamente dall’Istituto.

Pubblicato il: 14 maggio, 2017
Condividi anche tu!

Guarda anche

Lascia un commento